Fini istituzionali

I principali compiti istituzionali dell’ATER, individuati prima dalla Legge istitutiva (L.R. 24/1999) e attualmente dalla L.R. 1/2016, come modificata dalla L.R. 14/2019, e dallo Statuto, consistono nel concorrere a realizzare gli obiettivi definiti nel Programma regionale delle politiche abitative di cui all'articolo 4 della L.R. 1/2016, e, in particolare (ai sensi dell'articolo 3 L.R. 14/2019), le Ater provvedono a:

 

a) realizzare gli interventi di edilizia socio-abitativa assistiti da agevolazioni pubbliche o finanziati con mezzi propri;

b) realizzare interventi edilizi, servizi residenziali, sociali, opere di urbanizzazione e infrastrutture urbanistiche per conto di Enti Locali, Enti Pubblici e privati nel settore dell’Edilizia residenziale universitaria;

c) realizzare, per conto degli Enti Locali, enti pubblici e privati, progetti urbanistici, piani particolareggiati e di recupero;

d) gestire il patrimonio di loro proprietà e quello di proprietà dello Stato e degli Enti Locali, nonchè il patrimonio di Enti pubblici e di privati o affidato alla loro gestione, realizzando periodicamente opere di recupero , compresa la riqualificazione e la manutenzione anche degli spazi di uso comune, degli spazi verdi e di pubblico accesso;

e) fornire agli Enti locali assistenza tecnica e amministrativa retribuita per lo svolgimento dell’attività e per la gestione dei servizi di loro competenza, assumendone anche la diretta realizzazione e gestione sulla base di specifici accordi;

f) fornire assistenza tecnica ed amministrativa retribuita a Enti pubblici nel settore dell’edilizia;

g) intervenire mediante l’utilizzazione di risorse proprie, non vincolate ad altri scopi istituzionali, ai soli fini calmieratori, sul mercato edilizio realizzando unità immobiliari allo scopo di locarle o venderle;

h) formulare proposte sulle localizzazioni degli interventi di edilizia residenziale pubblica in sede di Commissione regionale per le politiche socio-abitative per il tramite dei Tavoli per le politiche abitative di cui all'articolo 8 della L.R. 1/2016;

i) partecipare con soggetti privati a iniziative nel settore del recupero edilizio ed urbano;

j) promuovere, nell'ambito dei Tavoli di cui all'articolo 8 della L.R. 1/2016, progetti per la realizzazione di interventi condivisi al fine di perseguire la qualità sociale dell'abitare negli edifici a prevalente proprietà dell'Ater;

k) concedere in comodato gratuito, mediante bandi pubblici o mediante delega ai Comuni, i locali non locati e non adibiti o adibibili a uso abitazione o parcheggio, alle associazionei di volontariato e alle associazioni di promozione sociale iscritte nell'apposito registro regionale per lo svolgimento di attività non lucrative; i costi di ordinaria e straordinaria manutenzione, le spese di gestione, quelle accessorie e gli oneri relativi al comodato sono per intero a carico del comodatario;

l) svolgere ogni altra funzione loro attribuita da leggi statali o regionali.